Studio multicentrico di sorveglianza attiva SIUrO – PRIAS - ITA (Prostate Cancer Research International: Active Surveillance)

Lo studio osservazionale SIUrO – PRIAS – ITA offre la possibilità di partecipare al protocollo multicentrico internazionale di sorveglianza attiva PRIAS (Prostate Cancer Research International: Active Surveillance; Principal Investigator: Chris Bangma, Erasmus Medical Center, Rotterdam) sotto l’egida della SIUrO. Coordinatore di SIUrO – PRIAS – ITA è Riccardo Valdagni (Radioterapia Oncologica 1 e Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano), Co-Responsabile è Giario Conti (Dip. Chirurgia, Ospedale Sant’Anna, Como).

L’obiettivo di PRIAS è validare la sorveglianza attiva negli uomini con tumore della prostata a rischio di progressione basso e molto basso come opzione alternativa al trattamento radicale (chirurgia, radioterapia esterna, brachiterapia), così da limitare l’overtreatment dei tumori indolenti e gli effetti collaterali delle terapie.

SIUrO – PRIAS – ITA applica i criteri di inclusione, esclusione e follow up di PRIAS a cui si aggiunge la necessaria conferma dei dati istologici della biopsia diagnostica (grading e numero di campioni positivi) a cura di uno degli uropatologi partecipanti allo studio.

L’inclusione dei pazienti in SIUrO – PRIAS – ITA (file “inclusione nuovo paziente”) è in carico al centro coordinatore (Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano) che completa il database PRIAS e prepara il programma degli appuntamenti.

Il follow up dei pazienti (file “gestione del follow up”) è affidato al centro di riferimento ed è periodicamente controllato dal centro coordinatore.

Chi fosse interessato a partecipare può contattare Tiziana Magnani, Clinical Trial Coordinator di SIUrO – PRIAS – ITA (e-mail: tiziana.magnani@istitutotumori.mi.it, tel. 02 23903021).

Per sapere come contattare i centri SIUrO PRIAS ITA aperti all'arruolamento clicca qui

I centri devono chiedere l’approvazione dello studio osservazionale da parte del proprio Comitato Etico Indipendente. Il centro coordinatore fornisce su richiesta il parere favorevole, le delibere di approvazione e i documenti a supporto della pratica (protocollo, sinossi, ecc).

 

Criteri di inclusione:

  1. Diagnosi istologica di adenocarcinoma della prostata
     
  2. Pazienti idonei ai trattamenti radicali
     
  3. PSA alla diagnosi ≤ 10 ng/mL
     
  4. PSA density (= iPSA/volume prostatico)< 0,2
     
  5. Stadio Clinico T1c-T2a
     
  6. Adeguato campionamento bioptico in base al volume prostatico
     
  7. Gleason score 3+3=6 (confermato dalla revisione dei preparati istologici dell’uropatologo di riferimento)

Vol <40 cc 8 core
Vol 40-60 cc 10 core
Vol >60 cc 12 core

In caso di biopsia inadeguata al volume è possibile ripetere la procedura entro 3 mesi; questa biopsia sarà definita biopsia di stadiazione
 

  1. Massimo 2 core bioptici positivi (confermati dalla revisione dei preparati istologici dell’uropatologo di riferimento)​

In caso di saturation biopsy con oltre 20 prelievi, il numero di campioni positivi deve essere ≤ 15% fino a un massimo di 3 in caso di biopsia con 20-26 prelievi e 4 in caso di biopsia con oltre 26 prelievi).
È possibile arruolare pazienti con più di 2 campioni bioptici positivi, Gleason Score 3+3 (indipendentemente dalla percentuale di malattia presente nei campioni), che abbiano effettuato una Risonanza Magnetica multiparametrica (RMmp) della prostata, eventuale successiva biopsia mirata delle lesioni sospette alla RMmp e conferma di Gleason Score 3+3 anche in tali sedi

  1. Pazienti disposti a seguire lo schema di follow-up

 

Criteri di esclusione:

  1. Pazienti che non si possono oppure non si vogliono sottoporre a trattamenti radicali
  2. Pazienti che hanno effettuato in precedenza una qualsiasi terapia per il tumore della prostata

 

Schema di follow up:

  • PSA ogni 3 mesi
  • PSA e controllo clinico ogni 6 mesi
  • Biopsia a 12, 48 e 84 mesi da quella diagnostica

Attenzione

Se PSA Doubling Time inferiore a 10 anni: extra biopsia se non eseguita nel corso degli ultimi 12 mesi; in alternativa alla biopsia, RMmp della prostata, eventualmente seguita da biopsia mirata delle lesioni sospette

Se PSA > 20 ng/ml: scan osseo

Criteri per l’interruzione del programma osservazionale:

L’interruzione del percorso osservazionale (file “interruzione della sorveglianza attiva”) è in carico al centro coordinatore

  1. Numero di campioni positivi alla rebiopsia > 2 (upsizing) (criterio di interruzione se RMmp al momento dell’inclusione non effettuata)
  2. Gleason Score > 3+3=6 alla rebiopsia (upgrading)
  3. Stadio clinico valutato tramite esplorazione rettale ≥ T2b
  4. Scelta del paziente

Allegati